“Vedi Napoli e poi muori? No! …………Però ingrassi!

Sono stato qualche giorno (purtroppo pochi) a Napoli da turista quest’estate. Camminando nel centro storico il mio fermo proposito di non spiluccare in continuazione è stato messo a durissima prova.

Vi ricordo che una strategia fondamentale per il sano dimagrimento è quella di

  1. concedersi sempre cibi che piacciono e che sfamano per non far diventare una ossessione psicologica ingestibile i cibi “proibiti;
  2. non mangiare mai nulla fuori pasto per limitare i picchi infiammatori del dopo pasto (post prandiali) ed “educare” la mente a tollerare l’attesa.

Ovviamente questa strategia va coordinata con molte altre perchè abbia veramente un senso: da sola non fa miracoli e non è la soluzione a tutti i problemi di sovrappeso.

Ma torniamo a Napoli e alla difficoltà di non “spiluccare”.

A Napoli nel centro storico (nel quale vi consiglio di perderci ore e giorni della vostra vita) è una continua tentazione di cibo da strada di una bontà fuori dall’ordinario! Troverete ovunque sfogliatelle, come quelle della foto, croccanti, fragranti, delicate, invitanti a prezzi “umani” che………….anche se non siete amanti dei dolci vi verrà impossibile non mangiarne in continuazione!!!

E cosa dire della pizza? Quella vera, quella Napoletana! Io è da anni che studio la ricetta e la provo nel mio forno a legna e vi assicuro che è un mondo parallelo da scoprire. A Napoli la trovate quasi ovunque fatta bene! Mentre camminate a qualunque ora ve la propongono appena sfornata in formati mini da passeggio (detta a portafoglio) da mangiare senza neanche fermarsi e sedere!!! Sono delle piccole opere d’arte al costo di 1 euro che finiranno in panza senza neanche rendersene conto (altro che Mindfuleating…)

E il cibo fritto? A Napoli friggono come se fossero nati con la pentola e la bottiglia dell’olio in mano! Il problema è che ovunque lo fanno bene. Ti tentano in continuazione, mentre sei a passeggio, con dei cartocci di carta stracolmi di……qualunque cosa fritta dentro (ma soprattutto pesce). Li chiamano cuoppi fritti e fidatevi che non potrete resistergli.

Come salvarsi da questa tentazioni e non ritrovarsi a spiluccare continuamente in piedi facendo naufragare miseramente tutti i migliori buoni propositi?

Vi posso solo dire cosa ho fatto io!

  • ho costantemente integrato la mia alimentazione napoletana “da strada” con assaggi di frutta ed in particolare di spremute del miglior agrume del mondo……..ovvero i limoni di Sorrento freschi (che solo a Napoli trovi!);
  • ho messo una decina di kg di bottiglie di acqua nello zaino sia per idratarmi a dovere sia per fare una corposa (ma piacevole) ginnastica extra (se siete meno allenati riducete il peso, la ginnastica deve essere sempre PIACEVOLMENTE stancante e non stressante!);
  • ho confidato nel fatto che pochi giorni di “spiluccamenti” non avrebbero annullato quanto di buono fatto durante tutto l’anno;
  • mi sono goduto al massimo gli spiluccamenti facendoli diventare dei bellissimi e rilassanti ricordi della vacanza;
  • in ogni momento ho curato in maniera eccezionale la respirazione per permettere alle cellule di avere al loro interno il massimo ossigeno possibile per favorire il migliore metabolismo.

Così la mia breve vacanza è stata gioiosa e spensierata. Uno strumento di cura dello stress che ha aiutato il mio corpo a stare meglio nonostante gli spiluccamenti.

Grazie Napoli! Si può sopravvivere alla tua vista magri e contenti.

Dott. Riccardo Ferrero psicologo, psicoterapeuta, Master di II livello in PsicoNeuroEndocrinoImmunologia, esperto in psicologia del dimagrimento.