La macchina del (brutto) tempo è in moto!

Ieri ero in auto e in un raro squarcio tra le nuvole ho visto le montagne piene di neve: bellissimo!

Ma in realtà neanche il tempo di dirlo e mi sono ritrovato a pensare che una volta ci andavo tanto in montagna e adesso non posso mai. La bellezza della visione delle montagne è diventata solo più una terribile nostalgia del PASSATO. Mi sono perso nei rimpianti e da li tutta una serie di considerazioni e preoccupazioni spiacevoli sui prossimi mesi del FUTURO che saranno pieni di impegni e probabilmente di pochi divertimenti.

Queste nostalgie e preoccupazioni possono far parte di noi in qualunque periodo della vita. Ci si deve stare insieme per conoscerle meglio e poterle affrontare che non vuole dire però permettergli di travolgerci come un’onda oceanica. Vuole dire che la cura e prevenzione dello stress avviene quando ci si accorge che di fronte al panorama PRESENTE delle montagne la nostra testa è altrove e allora gli si chiede gentilmente di tornare con noi ADESSO per nutrirsi e godere di quel qualcosa anche piccolo ma che comunque c’è!

Si chiama CONSAPEVOLEZZA (delle sfighe e delle cose belle) e va esercitata perchè da sola non viene!!!!!!!!!!!!!!!

Si prende atto che ci sono delle cose importanti e dolorose che fanno parte di noi e che andranno affrontate……..tra un minuto dopo aver goduto di ciò che c’è di buono adesso. Niente di più niente di meno. Ripetete questo esercizio di CONSAPEVOLEZZA all’infinito e starete meglio.